Il Codice Vaticano e la chiusa di Marco

Il Codice Vaticano e la chiusa del Vangelo di Marco di Giuseppe Guarino
Il manoscritto Vaticano (IV secolo), Codice Onciale B, è considerato una prova a favore della non autenticità della chiusa di Marco tradizionale – Marco 16:9-20. Stranamente, però, nell’insolito spazio lasciato alla fine proprio del secondo vangelo sarebbero entrati esattamente i 12 versi mancanti, come si vede nella foto qui sotto.
Ciò dimostra che:
– Vaticano copia da un manoscritto ovviamente più antico che aveva Marco 16:9-20
– chi ha copiato il manoscritto Vaticano ha operato sul testo a suo piacimento – e questo è lavoro di edizione e non copiatura.
– Vaticano fondamentalmente è una prova contro l’omissione della chiusa tradizionale di Marco.
 
Il testo Maggioritario è la forma del testo più prossima agli originali. E il Textus Receptus (tradotto da Diodati e Nuova Diodati), con tutte le pecche che può avere, è sempre superiore al testo Standard oggi in voga che favorisce questa e altre omissioni.
 
Per un approfondimento, vi consiglio il mio libro sul testo Maggioritario, che credo sia l’unico disponibile in lingua italiana.

IL TESTO MAGGIORITARIO – La preservazione del Nuovo Testamento di Giuseppe Guarino

Edizione aprile 2020 del mio libro che racconta come il testo del Nuovo Testamento è arrivato dalle penne degli apostoli alle nostre Bibbie in stampa oggi. Sono convinto che la storia della trasmissione della Parola di Dio e i manoscritti in nostro possesso siano la prova della preservazione del testo biblico.

libro: www.amazon.it/dp/B086PVSLQ1

ebook: www.amazon.com/dp/B086MP91

 




Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *